Assicurazione sul Prestito: quando è obbligatoria

Pubblicato il Pubblicato in Microprestiti, Mutui, Prestiti Dipendenti, Prestiti Pensionati, Prestiti Personali

Assicurazione sul Prestito: quando è obbligatoria

 

Quando si stipula un prestito è possibile stipulare una polizza assicurativa. L’Assicurazione sul Prestito è una vera e propria copertura assicurativa sul prestito stesso che tutela sia la Banca o l’Istituto di Credito erogante, sia il Cliente che richiede il prestito ma anche i suoi familiari.

 

Quali sono le tipologie di Assicurazione sul Prestito

 

Le tipologie di Assicurazione sul Prestito che si possono stipulare sono di due tipi:

  • Le CPI (Credit Protection Insurance): si tratta di polizze a copertura del credito. Il compito delle CPI è duplice: tutelare la Banca o l’Istituto di Credito erogante dal rischio di insolvenza e allo stesso tempo tutelare il Cliente nel caso in cui non riuscisse più a pagare la rata per circostanze lavorative o personali (la perdita del lavoro o una malattia). Le CPI in questo caso subentrano al Cliente nel pagamento della rata del prestito per un periodo di tempo massimo stabilito nel contratto. Nel caso invece di decesso del Cliente, il prestito non ricade sugli eredi, l’assicurazione provvederà al completo pagamento del prestito, anticipando l’estinzione;
  • Assicurazione accessorie: si tratta di polizze vendute in associazione alle CPI. Possono consentire al Cliente, in caso si trovasse in un momento di difficoltà economica, di saltare una o più rate (sempre stabilite nel contratto del prestito).

 

Quando interviene l’Assicurazione sul Prestito

 

L’Assicurazione sul Prestito interviene quando si verificano determinate situazioni, per far fronte al pagamento di alcune rate per un periodo massimo stabilito nel contratto o interamente andando ad estinguere anticipatamente il prestito.

L’Assicurazione estingue anticipatamente l’intero importo del prestito in caso di premorienza del Cliente. In questo caso il debito non ricade agli eredi ma sarà compito dell’assicurazione versare alla Banca o all’Istituto di Credito l’importo mancante per chiudere il prestito.

L’Assicurazione invece interviene per il pagamento di alcune rate o può fare in modo che il Cliente blocchi il pagamento delle rate per riprenderlo in un altro momento, nei casi in cui si verifichi uno dei seguenti casi:

  • Perdita dell’impiego;
  • Ricovero ospedaliero;
  • Invalidità totale temporanea o permanente;
  • Malattia grave.

 

Quando è obbligatoria l’Assicurazione sul Prestito

 

Assicurazione sul Prestito: quando è obbligatoriaL’Assicurazione sul Prestito è obbligatoria solamente nel caso il Cliente stipuli un prestito attraverso la Cessione del Quinto dello Stipendio o della Pensione. In questo caso, essendoci una Legge che regolamenta questa tipologia di prestito, la polizza è obbligatoria per Legge. Pertanto il lavoratore dipendente dovrà stipulare una Polizza Rischio Vita e una Polizza Rischio Impiego, mentre il Pensionato dovrà stipulare solamente la Polizza Rischio Vita. In questi casi il costo dell’Assicurazione sul Prestito sarà incluso nel TAEG, ossia il Tasso Annuo Effettivo Globale, che indicherà il costo complessivo del prestito.

Nel caso invece il Cliente stipuli un Prestito Personale, non ha l’obbligo di contrarre l’Assicurazione sul Prestito. In questo caso non c’è una Legge che la imponga come condizione imprescindibile per ottenere il prestito ma può succedere che sia proprio la Banca o l’Istituto di Credito a richiederla come condizione indispensabile per il buon fine della pratica, soprattutto nei casi in cui il Cliente è considerato “un soggetto a rischio” per segnalazioni avute in passato come Cattivo Pagatore per ritardi di pagamento o per una bassa capacità di rimborso mensile del prestito.

 

Quando conviene stipulare l’Assicurazione sul Prestito

 

Il Cliente che decide di stipulare l’Assicurazione sul Prestito, è sicuramente avvantaggiato rispetto al Cliente che decide di non farlo.

Stipulare l’Assicurazione sul Prestito è sempre consigliata perchè diminuisce il rischio di incorrere in situazioni di difficoltà spiacevoli con la conseguenza di essere segnalato come Cattivo Pagatore nelle varie banche dati e al Crif. Maggiore tutela quindi e meno pensieri per chi decide di stipulare la polizza.

 

Lascia un commento